1

2

3

Senza Tamburi Né Trombette

Abiti, accessori e sartoria a Cuneo

I nessi storici hanno visto la trasformazione del sarto in couturier, la bottega in atelier, il couturier in stilista, gli stilisti in fabbrica della moda. Io ho fatto questo percorso a ritroso. In giovane età ho lavorato presso importanti Studi stilistici, in seguito, ho avuto una  esperienza decennale come costumista teatrale per approdare alla sartoria e all’artigianato nell’accezione più rispettosa e ardente.

Contattami

Lo studio universitario sull’architettura ha stimolato il desiderio della comprensione della forma, mentre, quelli intrapresi nella danza, mi hanno dato i mezzi per immaginare il movimento. L’osservazione dei sistemi produttivi nelle fabbriche e la pratica quotidiana in laboratorio hanno alimentato la fascinazione verso la misteriosa materia che è il tessuto.

Così nel mio lavoro combino forme, colore e materia nel tentativo di sottrarre agli indumenti la condanna di mera utilità cercando di dargli una valenza armonica ed empatica, per chi li indossa e per chi semplicemente li osserva, facendo mio il motto di Guy Laroche, uno stilista francese dello scorso secolo, che diceva “Mai fare un abito brutto, c’è sempre il rischio che qualcuno lo indossi…”

About

Senza Tamburi Nè Trombette

Abiti, accessori e sartoria a Cuneo

I nessi storici hanno visto la trasformazione del sarto in couturier, la bottega in atelier, il couturier in stilista, gli stilisti in fabbrica della moda. Io ho fatto questo percorso a ritroso. In giovane età ho lavorato presso importanti Studi stilistici, in seguito, ho avuto una esperienza decennale come costumista teatrale per approdare alla sartoria e all’artigianato nell’accezione più rispettosa e ardente.

Lo studio universitario sull’architettura ha stimolato il desiderio della comprensione della forma, mentre, quelli intrapresi nella danza, mi hanno dato i mezzi per immaginare il movimento. L’osservazione dei sistemi produttivi nelle fabbriche e la pratica quotidiana in laboratorio hanno alimentato la fascinazione verso la misteriosa materia che è il tessuto.

Modella Vestito Rosso Osvaldo Montalbano

Così nel mio lavoro combino forme, colore e materia nel tentativo di sottrarre agli indumenti la condanna di mera utilità cercando di dargli una valenza armonica ed empatica, per chi li indossa e per chi semplicemente li osserva, facendo mio il motto di Guy Laroche, uno stilista francese dello scorso secolo, che diceva “Mai fare un abito brutto, c’è sempre il rischio che qualcuno lo indossi…”